Al Marconi con il progetto “Martina” insegniamo ai giovani la prevenzione


Parlare di cancro non è mai facile. Non lo è, in particolare, se ci si rivolge a ragazzi e ragazze delle scuole superiori da aggiornare sugli ultimi dati statistici, che registrano quasi 14 mila nuovi casi di tumore diagnosticati ogni anno nella fascia d’età dai 15 ai 39 anni. Ma l’informazione e la diagnosi precoce sono i primi strumenti per combattere il cancro e dato che uno dei principali obiettivi che la scuola si pone è quello di fare crescere dei giovani sani nei principi e nei valori, anche informarli e sensibilizzarli alla prevenzione dei tumori, mediante l'adozione di un stile di vita sano e di una corretta alimentazione, di una quotidiana attività fisica, diventa compito della scuola. E’ così che nasce il progetto “Martina” quando nel 1999 per la prima volta il Lions club di Padova decide di portare avanti un’opera di sensibilizzazione ed informazione con gli studenti di Padova. Nel 2011 diventa poi Service Nazionale e nel 2012 il Ministero dell’Istruzione riconosce l’alto valore formativo del Progetto e invia una circolare a tutte le scuole italiane.
Ma chi è Martina? Martina era un’alunna come tanti di loro, che oggi non c’è più ma che ha lasciato un testamento rivolto a tutti, che i giovani venissero informati ed educati ad avere maggior cura della propria salute ed imparassero a difenderla con stili di vita corretti, con “conoscenza” ed “impegno personale”. La ragazza, durante lo stadio terminale della sua malattia, rivolgendosi ai medici che la stavano curando, tra cui alcuni soci Lions, ha chiesto che il problema dei tumori venisse divulgato nelle scuole, affinché i giovani come lei fossero educati ad avere maggior cura della propria salute grazie alla conoscenza ed alla prevenzione.
Tutto ciò significa “cultura” e la scuola è il luogo ideale essendo essa culla della cultura. Il progetto è stato presentatoil 6 aprile in Aula Magna alle classi quarte dell’Istituto Marconi dalle professoresse Caterina Vitale e Rossella Forbice in collaborazione con il Leo club di Catania nord e dalla referente professoressa Emma Petrosino. Sono intervenuti la dott.ssa Beatrice Petrosino, la dott.ssa Lara Tumino, e il dott. Salvatore Spinello, che hanno trattato temi riguardo la prevenzione e la diagnosi dei tumori alla mammella, del melanoma, del tumore al testicolo.
L’iniziativa, che si concentra su melanoma, neoplasie al seno, al polmone, al collo dell’utero e al testicolo, è attuata in tutti i distretti Lions italiani dal 2011 e ha il patrocinio dei ministeri della Salute e Istruzione e del Senato della Repubblica. Ultimamnete è stata adottata anche all’estero perché purtroppo la malattia non ha confini e la prevenzione è l’unico modo per sconfiggerla.

Lucia Andreano