Il Marconi vince la competizione riservata alle scuole associata al Premio Asimov per l’editoria di divulgazione scientifica


Otto studenti del Marconi,Sandro Torrisi, Valeria Comito, Gabriele Scalia, Giuseppe Cosentino, Lorenzo Cambria, Giorgio Privitera, Claudio Trigilio, coordinati dal prof. Antonio Atalmi e dalla prof.ssa Lucia Alba Rapisarda, hanno partecipato alla valutazione delle cinque opere di divulgazione scientifica selezionate per la terza edizione del Premio Asimov 2018 ed hanno vinto la competizione. L’iniziativa, patrocinata dalla Regione Abruzzo, dalla Società Italiana di Fisica (SIF), dall‘Accademia dei Lincei, dalla Società Italiana di Relatività Generale e Fisica della Gravitazione (SIGRAV), dal Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze (CICAP), dai Laboratori Nazionali del Sud e del Gran Sasso, dalle Sezioni di Catania e dal Gruppo collegato di Cosenza dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), dall’Università di L’Aquila, di Camerino e dal CRS4 Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna, istituita dal GSSI e organizzato dall’INFN in collaborazione con varie università italiane, ha coinvolto quest’anno in qualitàdi giuria, piùdi 2000 studenti delle scuole superiori di sette regioni - Puglia, Abruzzo, Sardegna, Marche, Umbria, Calabria e Sicilia - , e Sabato 21 presso l’aula magna del dipartimento di fisica e astronomia dell’università di Catania si è svolta la cerimonia di annuncio del vincitore del premio Asimov 2018, presentata dal coordinatore regionale del premio prof. Silvio Cherubini (DFA, Unict) in contemporanea nazionale con le varie sedi regionali collegate in streaming.
Vincitori ex-equo sono risultati Marco Malvaldi con “Le due teste del tiranno”e Helen Czerski con “La tempesta in un bicchiere”. E’quindi seguita la proclamazione e premiazione dei vincitori del concorso riservato agli studenti in qualitàdi autori delle migliori recensioni.
Il DS del ITI Marconi, prof. ing Ugo Pirrone, soddisfatto ed emozionato sostiene che ancora una volta questa ”è una prova delle potenzialitàdei nostri migliori studenti, della loro capacitàdi analisi e di comunicazione e delle risorse intellettuali che una scuola orientata all’eccellenza puòfar emergere e mettere a servizio della società”.
Sui cinque concorsi associati alle corrispondenti opere gli studenti del Marconi hanno ottenuto tre primi posti, con Sandro Torrisi (L’ordine del tempo), Valeria Comito (Fisica per la pace), Gabriele Scalia (Le due teste del tiranno), un terzo posto con Lorenzo Cambria (La tempesta in un bicchiere) e una menzione d’onore per Giuseppe Cosentino.
Assieme agli altri vincitori, gli studenti del Marconi hanno presentato davanti al pubblico presente in sala e via streaming le loro osservazioni e il loro giudizio sulle opere recensite, ricevendo dal direttore del GSSI quale premio la possibilitàdi visitare il prossimo ottobre i laboratori INFN del Gran Sasso, dove attualmente si conducono le più avanzate ricerche a livello internazionale di fisica underground sulla materia oscura e sui neutrini.
Il prof. Antonio Atalmiche ha seguito i ragazzi in tutto il percorso di studio ed elaborazione ha dichiarato :“E’particolarmente significativo che studenti di un istituto tecnico catanese vincano una competizione nazionale basata sulla scrittura e la comunicazione scientifica, confrontandosi con studenti dei licei scientifici e classici, a dimostrazione che una scuola tecnica di eccellenza è possibile e può competere e vincere in qualunque ambito scientifico e di comunicazione.
Anche al sud, anche a Catania.”

Lucia Andreano